CLASS ACTION PER RISARCIRE I DANNI DEL TRASPORTO PUBBLICO A NAPOLI

amministratore
By amministratore dicembre 1, 2015 23:56

autobusNapoli – Dopo il “corteo funebre” della settimana scorsa in Piazza Dante, l’associazione napoletana “Addà Passà ‘a nuttata” ha organizzato un’efficiente iniziativa per tutti gli utenti colpiti dai disagi del trasporto pubblico a Napoli. L’associazione, in collaborazionecon il movimento “Onda Anomala” e con l’Aidacon, associazione per la tutela dei consumatori, ha promosso una vera e propria class action finalizzata ad un risarcimento danni per tutti gli utenti in possesso di un regolare abbonamento che si siano trovati a combattere le disavventure del sistema trasporti negli ultimi mesi. “Basta subire i disagi e rimanere in silenzio, ora vogliamo essere risarciti insieme”, c’è scritto sulla pagina facebook del movimento “Addà Passà ‘a nuttata”. Così come avevano dichiarato in precedenza, durante il corteo tra le vie del centro città, i soldi che si otterranno col risarcimento saranno riversati nelle casse della municipalizzata trasporti,  a condizione che vengano rispettati alcuni paletti fissati dagli utenti stessi. Sulla bacheca dell’associazione è stato linkato un modulo attraverso il quale è possibile aderire a quest’azione collettiva. Basta inserire i propri dati e il numero dell’abbonamento posseduto, per poi inoltrarlo tramite fax oppure e-mail. L’associazione spera in un numero quanto maggiore di aderenti, per sensibilizzare la cittadinanza su un problema comune, che deve essere condiviso, e per fare pressione sulla classe politica e dirigente per poter cambiare la situazione. E’ questo lo scopo di quest’azione legale di risarcimento che ha impegnato le tre associazioni in un lavoro sinergico.

Per scaricare il modulo, clicca questo link: https://dl.dropboxusercontent.com/u/49663668/Modulo%20Azione%20Legale%20Pullman.pdf

amministratore
By amministratore dicembre 1, 2015 23:56
Scrivi un commento

Nessun Commento

Non vi sono commenti!

Non ci sono ancora commenti , ma puoi essere il primo a commentare questo articolo .

Scrivi un commento
Visualizza Commenti

Scrivi un commento

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*